I miei interessi


il volontariato...

Nel 2008 fino al 2009 ho svolto il servizio civile, essendo educatrice professionale di comunità, presso lo sportello "Progetto Carcere" all'interno della comunità terapeutica Villa Maraini di Roma.
Questo sportello è rivolto all'accoglienza e consulenza per tossicodipendenti con problemi giuridici.
E' anche molto importante perché fornisce aiuto e supporto anche alle famiglie. Vengono seguiti i tossicodipendenti nelle varie carceri, tra cui R. Coeli, Rebibbia maschile e femminile.
Volontariato I detenuti che vengono seguiti nelle carceri romane, dopo esser seguiti e valutati durante i gruppi, se ritenuti idonei, possono finire di scontare la loro pena alternativa in comunità.
In questo lungo anno ho potuto imparare e conoscere molte cose legate alla tossicodipendenza dalle cause, alle conseguenze a come uscirne e molte cose dal punto di visto giuridico.
E' stato un anno intenso, pieno di diverse emozioni, dove ho svolto il mio lavoro col cuore e professionalità.
Mi ha permesso di crescere molto sia dal punto di vista professionale che umano, anche grazie alla favolosa equipe con cui ho lavorato e da cui ho imparato molto.
Ho avuto in questo periodo, la possibilità di entrare con le operatrici nel carcere di R. Coeli, ogni martedì, dove svolgevamo i gruppi all'interno delle sezioni. Entrare per me in carcere, per la prima volta è stata dura dal punto di vista umano.
Il carcere è alienante, e anche se dentro ci sono persone che stanno scontando le loro pene, davanti a queste dure realtà non si può restare indifferenti.
La vita detentiva non è facile, sia per chi è recidivo e sia per chi ci entra per la prima volta, perché lascia fuori tutto ciò che gli appartiene. Le celle spesso sono piccole e in sovrannumero e bisogna anche provare a convivere con gli altri, non sempre cosa facile. L'unico contatto che hanno con l'esterno sono le ore di colloqui che hanno con i familiari e con gli avvocati. Le fasce di età sono diverse.
Spesso in carcere purtroppo capitano anche episodi di suicidio anticipati da gesti di autolesionismo, legati alla disperazione e alla troppa sofferenza accumulata nel tempo.
Ho potuto vedere e constatare che nel carcere è sottovalutata la figura dell'educatore, ne servirebbero molti.
Si dovrebbe fare di più per le persone che vogliono riscattarsi in modo costruttivo per potere affrontare meglio la loro vita fuori finita la condanna.
I gruppi si svolgevano con i detenuti che volevano iniziare un nuovo percorso verso il cambiamento.
Il parlare al gruppo per loro è un momento importante, visto che si confrontano con le loro diverse emozioni e vissuti e serve per cambiare lo stile di vita ed assumere comportamenti più responsabili.
Ho continuato quest'intensa esperienza sia allo sportello che in carcere, come volontaria fino al 2011.
Mi è dispiaciuto molto dopo tre anni non poterci più andare per motivi lavorativi, mi porterò comunque con me tutte le emozioni, e le cose viste ed imparate in questo percorso. Sono contenta di aver dato e ricevuto più di quanto credessi, senza rimpianti e sempre più convinta di aver fatto bene a scegliere questo tipo di lavoro, dove soprattutto servono umiltà, assenza di pregiudizi, professionalità e passione.


i viaggi...

Santorini Nella mia vita ho sempre sentito l'importanza e il desiderio di viaggiare, essendo una persona molto curiosa e con la voglia di arricchire sempre il mio bagaglio personale.
Ogni volta che ho fatto un viaggio era perché ho sentito il bisogno di cambiare aria, ma soprattutto condividere un nuovo percorso con le mie diverse amiche. Non ho mai rimpianto nessun viaggio. Mi hanno permesso di conscere meglio altri posti, culture, e soprattutto me stessa, facendomi vivere emozioni nuove, e punti di vista diversi.
Penso sia molto importante farli, ad ogni età, ed è proprio vero che quando si torna da un viaggio si torna diversi.
Adoro i posti dove c'è il mare, infatti sono stata su due isole ben diverse, ma entrambe stupende Santorni e Formentera, ma anche i posti storici come Praga, Sperlonga e Firenze.

Santorini è stato davvero un viaggio bello, intenso ed emozionante. Ho scoperto quest'isola per caso e ne sono stata davvero molto felice.
E' un'isola vulcanica e molto grande, con bei posti da vedere, e il mare davvero bello.
Praga E' stato molto divertente girarla in motorino, con il sole sul viso, per andare a vedere il tramonto più bello, ovvero quello sulla cima dell'isola, che si chiama Oia. Stare lì, in silenzio e vedere tutto il paesaggio intorno, con i colori del tramonto che calavano sul mare.
E' stato davvero speciale ed unico.
Una settimana lì è volata, tra mare, relax e ristoranti greci.
Ci ho lasciato il cuore, e mi ha fatto star bene lo stare lontano dal caos della città e spero di tornarci presto.

Praga ho deciso di visitarla, perché ne avevo sentito parlare bene, oltre al fatto che essendo una città storica, mi ha incuriosito ancora di più, visto che mi piace la storia.
Ho fatto bene, ad andarci ben due volte, la prima nel 2004 e poi nel 2006. Mi ha colpito molto per la pulizia, per lo stile gotico dei ponti, delle varie torri, da cui internamente si può salire e vedere tutta la città.
Si può girare molto bene a piedi, ma anche con le varie linee metropolitane e il cibo è davvero molto buono.
Formentera Ci sono molte cose da vedere, tra cui il Castello che domina la città, e di sera è davvero molto suggestivo, il centro dove c'è l'orologio astronimico, al centro della Piazza della città Vecchia e il Ghetto. Inoltre la sera è davvero bello visitare tutta la città con il battello sul fiume Moldava, che attraversa Praga.
E' stato bello, all'improvviso svegliarsi con la neve che scendeva senza fermarsi e la temperatura era a -10, ma questo non mi ha fermato nel volerla visitare, era tutto ancora più bello e sembrava di stare in una di quelle favole o storie gotiche.

Nel 2006 sono stata anche a Formentera isola spagnola, da raggiungere con vari mezzi, ma molto bella e con un mare meraviglioso. Mi è sempre piaicuta la Spagna, e l'atmosfera spagnola mi ha coinvolto insieme alla bellezza del suo mare. Non c'era cosa più bella che passare in relax giornate al mare lontana da tutto.

Firenze In italia ho visitato due città molto belle, Firenze e Sperlonga.
Firenze l'ho visitata varie volte, e mi è smepre piaicuto vederla e ritornarci anche a distanza di tempo. Non è molto grande, ma è accogliente e la cosa che mi è piaicuta molto è stata girarla a piedi tra il mercato della zona centrale, poi Piazza Signoria, gli Uffizi e Ponte Vecchio.
Avendo origini toscane, mi sono sentita un po' a casa, tra l'allegria dei fiorentini e la bellezza di visitarla, non essedno molto caotica. Mi piacerebbe ritornarci visto che non è molto lontana da Roma.
Inoltre la sera è bella vederla e viverla, perché essendo una città storica è anche molto romantica. E' attraversata dall'Arno che la rende ancora più speciale.
Sperlonga Mi sono piaicuti tutti i posti visitati, ma vederla da Piazzale Michelangelo di sera è stato emozionante, come se fosse incorniciata in un quadro, illuminata dal cielo e dalla luna.

Sperlonga è una piccola cittadina non lontana dalla capitale sul mare. Fa parte del Circeo, infatti ha la bandiera blu per la bellezza e pulizia del mare.
Ci sono sata pochi giorni, ma sono stati belli ed intensi. E' caratterizzata dal faro che sovrasta il posto, ed è molto piccola ed accogliente.
I locali e gli hotel sono molto vicini alla spiaggia, il che rende tutto ancora più romantico anche per passeggiare la sera in riva al mare.
Davanti c'è l'isola di Ponza il che rende tutto ancora più particolare. Sono stata molto bene, ed è bello che ci siano posti così belli non lontani dalla nostra città.


la radio...

Fai clic sul seguente banner ed ascolta la radio con cui collaboro nella conduzione di un programma:

Radio




la musica...

Ligabue La musica sin da adolescente finora è sempre stata la mia vita. Mi ha sempre dato la carica sia per svagarmi, che per reagire in alcuni momenti difficili, soprattutto ascoltando Luciano Ligabue. L'ho sempre sentito anche mentre studiavo, in qualsiasi momento del giorno e della notte. Addesso come posso lo sento, e non mi stanco mai di sentire la sua musica e le sue canzoni.
L'ho conosciuto come cantante grazie ad una mia cara amica.
Ligabue E' uno dei miei cantanti preferiti sia per il genere di musica che fa, ma soprattutto per le sue canzoni. Parlano di diverse cose e situazioni quotidiane, in cui spesso mi sono rispecchiata.
Non è mai scontato, né noioso. E' un cantante che parla con le persone, non è diplomatico. Dice le cose per come sono nel bene e nel male. In questo lo ammiro molto, perché non è ipocrita ed è molto simile al mio modo di essere e pensare. E' anche un uomo oltre che moIto coinvolgente, anche affascinante.
Sono sempre andata a tutti i suoi concerti a Roma.
Il tempo è volato, e con esso anche la mia vita, e le mie emozioni, di cui lui ha fatto sempre parte, essendone la colonna sonora.
Ognuno è stato sempre diverso e più emozionante. Uno speciale che ho visto fuori Roma, è stato quello che fece a Campovolo nel 2005, dove per sentirlo mi sono fatta ore ore di macchina con le amiche, e ne valse proprio la pena. Mentre a Roma recentemente sono andata a quello a fine maggio nel 2014. Fu un regalo doppiamente speciale, per due motivi. Il primo perché è stato un regalo di mia nipote, mentre l'altro è stato il poter andare a questo concerto con entrambi le mie nipoti, per la prima volta all'Olimpico di sera. Fu una serata speciale, e la sua musica, la rese davvero meravigliosa.
L'unico a cui non ho partecipato e mi è spiaciuto molto è stato Campovolo 2011, spero di recuperare presto

Ligabue


la politica...

Che Guevara Sin da adolescente, non mi sono mai rispecchiata nella politica italiana e nemmeno nei politici italiani.
L'unico punto di riferimento che ho sempre preso, e col tempo è rimasto tale, è stato Ernesto Che Guevara, perché aiutava le altre persone, senza voler avere nulla in cambio, ma solo il loro bene.
Che Guevara Mi rivedo molto in lui perché sono sempre stata e sono una persona a cui piace lottare per me stessa e per le persone in difficoltà.
Era prima un uomo, poi un dottore. Una persona che per me è importante, perché ha lottato per l'ugualianza delle persone, contro le diverse ingiustizie dei vari popoli, combattendo i pregiudizi e la povertà con i fatti, e il dialogo.
Si è sempre considerato una persona come gli altri e soprattutto ha fatto della rivoluzione la sua vita, senza rivoluzione, davanti alle cose che non vanno, non si risolve nulla.
Non si deve stare in silenzio, e non si deve aver paura di dire il proprio pensiero, anche rischiando di andare contorccorrente, perché i problemi e le difficoltà si posso risolvere così, o provarci lottando insieme. Lui poi ha dato importanza a tutti i valori, considerando ogni singolo individuo, voleva un mondo unito, senza razzismo, dove tutti potessero vivere in modo sereno e dignitoso. Siamo tutti fratelli sotto lo stesso cielo, non conta da dove si viene, ma ciò che di bello insieme si vuole costruire e migliorare.


Che Guevara





Norme sulla privacy